• Sala Consiliare, Manerbio, Palazzo Luzzago, Samuele Alghisi, Fabrizio Bosio, Consiglio Comunale

    Riassunto del Consiglio Comunale del 14 giugno

    Nel Consiglio Comunale del 14 giugno erano assenti i consiglieri Boninsegna, Cavallini, Fornari, Olivetti, Viviani e Zucchi

     

    APPROVAZIONE DEL BILANCIO DI RENDICONTO 2016

    In apertura il Sindaco ha informato l’assemblea che l’avanzo di bilancio maturato nel 2016 diventerà un fondo di copertura per i rischi di mancare il pagamento del Piano di Riequilibrio. Nella nostra gestione ci siamo assunti la parte più pesante dei debiti che sono stati trovati al momento del nostro arrivo nel 2013 in Comune. Di fatto abbiamo già messo da parte i soldi per pagare interamente la rata 2018 garantendo a chiunque giungerà in amministrazione dopo le future elezioni di gestire minori difficoltà di bilancio. È il riconoscimento della Corte dei Conti del buon lavoro che è stato fatto da questa amministrazione comunale nel corso degli ultimi anni.

    Anche ACM dopo 9 anni ha finalmente segnato un bilancio in positivo, passando da -400.000€ del 2013 a +2.000€ del 2016.

     

    È intervenuta l’assessore Masini per presentare questo punto, che come i successivi riguardano il bilancio del Comune di Manerbio. In premessa l’Assessore Masini ha informato i consiglieri che la Corte dei Conti, nell’ultimo incontro, si è congratulata con noi per il lavoro svolto e per la lungimiranza che abbiamo dimostrato sul lavoro del bilancio.

    Il risultato di amministrazione ha permesso di accantonare diverse somme in più fondi, portandoli fino al massimo di legge e garantendo la messa in sicurezza del bilancio per i prossimi anni. Il fondo di copertura della rata del Piano di Riequilibrio garantisce il rispetto dei tempi e dei pagamenti da parte del Comune. Se non sarà utilizzato permetterà di estinguere in anticipo tutto il residuo del piano di riequilibrio. La sua conclusione permetterà di ridare libertà di azione al Comune circa i contributi alle associazioni, interventi sui servizi sociali e su tutto il territorio comunale.

     

    Le entrate sono state di 14.194.339,4€

    Le uscite 2016 sono state pari a 11.788.109,03€. Le spese di rimborso dei mutui ad esempio hanno pesato per l’11% del bilancio, cioè 1.314.824,83€ a cui si aggiungono circa 700.000€ per gli interessi. Nessun mutuo è stato aperto sotto la nostra amministrazione.

     

    Il nuovo fondo creato appositamente per garantire la copertura del pagamento del piano di riequilibrio ammonta ad € 532.000,00

    sono stati incrementati tutti gli altri accantonamenti per garantire la copertura di:

    spese relative a contenziosi pari a  € 848.935,50  (copertura al 100%)

    crediti di dubbia esigibilità pari a  €  974.034,55  (copertura al limite massimo)

    passività potenziali pari a  €  212.498,72

    ed altri fondi minori pari a €    16.296,96

     

    Rimangono da pagare 1.949.067,12 per chiudere il Piano di Riequilibrio su cui stiamo maturando un anticipo: abbiamo e stiamo pagando più del dovuto e prima del dovuto.

     

    Il consigliere Casaro ha ricordato come il bilancio preventivo sia il momento fondante di un’amministrazione. Il consuntivo rappresenta invece una fotografia di quello che è stato il lavoro fatto. Ha riconosciuto il lavoro di prudenza fatta dall’assessore Masini e dagli uffici. Per coerenza non ha votato favorevolmente al bilancio consuntivo poiché coerente per il preventivo. Ha chiesto  serva maggior coraggio all’Amministrazione.

    Roberto Gottani si è unisto al plauso al lavoro di assessore ed uffici. Questi risultati dimostrano l’impegno fattivo dell’amministrazione nel chiudere un debito che si trascina da molti anni. La questione che ha sollevato è invece di natura politica: serve più attenzione al territorio, al decoro urbano. Serve tenere assieme prudenza e impegno per riqualificare la città.  Annuncia astensione

     

    Il sindaco ha fatto una considerazione: noi abbiamo scelto una soluzione pacata. Non abbiamo guardato troppo in alto per le nostre possibilità, lavorando in deficit, non ci siamo guardati non curanti i piedi. Abbiamo tenuto lo sguardo ad altezza d’uomo, verso l’orizzonte, per lavorare con realismo e pragmaticità.

     

    Il consigliere Bissolotti ha sottolineato come non si potesse fare di più, viste le condizioni di partenza e l’impegno di chiudere il debito appena possibile. La collega Mara Pazzini è intervenuta per ricordare come spesso sia stata accusata la maggioranza di realizzare bilanci senza cuore.  In realtà l’impostazione di questo bilancio dimostra che abbiamo a cuore la sicurezza economica di Manerbio nel prossimo futuro.

     

    Favorevoli il gruppo Patto Civico per Alghisi Sindaco, contrario Lega Nord, astenuto il gruppo Manerbio Insieme.

     

     

    RATIFICA VARIAZIONI D’URGENZA

    Il punto è stato presentato dall’assessore Masini. Contiene due modifiche urgenti per i servizi

    sociali, coperti da maggiori entrate, e un’altra somma per una convenzione organizzativa con Castegnato. Questo comune ci presterà il nuovo capoarea dell’Area Economica Finanziaria. Questa nuova posizione è stata finanziata dalle diminuzioni delle spese di costo del personale del Comune.

     

    Il consigliere Casaro ha premesso che non ha niente in contrario alle variazioni per necessità sopravvenute. L’unica cosa che ha lamentato è che la delibera di variazione è stata pubblicata 9 giorni dopo la sua adozione, e avrebbe preferito una sua pubblicazione più tempestiva. Non ha eccepito nulla sull’atto contabile in sé.

     

    Gottani ha dichiarato voto favorevole, chiedendo però delucidazioni in merito al perché della scelta di un funzionario di Castegnato e non una persona più vicina. Il sindaco ha chiarito che dopo aver interloquito con i comuni limitrofi non ha trovato disponibilità per persone più vicine.

     

    Il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità.

     

     

     

    Modifica DUP

    È una variazione dovuta a seguito della razionalizzazione delle società partecipate. Il servizio di manutenzioni viene internalizzato di nuovo in Comune e tre dipendenti – all’epoca dipendenti comunali – rientrano   nel nostro organico.

    L’altra modifica contenuta nel DUP (se non  ricordi cosa è il DUP puoi rinfrescarti la memoria QUI) è la previsione di un bando per fornire l’Area Economico finanziaria un nuovo dipendente.

     

    Casaro ha chiesto chiarimenti in merito alla destinazione degli oneri nell’Ambito 5. L’assessore Preti ha spiegato che l’archivio è stato stralciato dal piano delle opere pubbliche perché si era deciso di percorrere un’altra strada, quella degli standard di qualità.  QUI puoi trovare tutto quello che ti serve sapere sul recupero dell’archivio comunale, senza casa dal 1979.

    La modifica del DUP è stata necessaria per rendere possibile questo percorso, così da far partire i lavori per la realizzazione di un’opera che il Comune aspetta da quasi quarant’anni.

     

    Contraria la Lega Nord, Favorevoli Manerbio insieme e Patto civico per Alghisi sindaco

     

    VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE

    La variazione attuale riguarda il bilancio previsione. Riguarda la voce del Sistema Bibliotecario, legato ad uno spostamento di capitoli e una liquidazione delle risorse del bilancio precedente.

    Sono previsti 33.000€ in più sulla manutenzione per gli immobili comunali e 43.000€ legati al costo dei dipendenti di BBS. si trarta di 3 operai che rientreranno in Comune. Questa voce sarà finanziata dalla riduzione corrispondente nel canone delle tre società.

     

    voto favorevole è stato espresso da Manerbio Insieme e Patto Civico per Alghisi Sindaco. Si è astenuta la Lega Nord.

     

    COMUNICAZIONI DEL SINDACO

    Il sindaco ha comunicato che non si terrà il referendum proposto dalla CGIL. Le cifre previste in bilancio sono state disimpegnate.

Lascia un commento.