• Politeama Manerbio, Teatri Bresciani in Rete

    Arriva la XXIII° Stagione Teatrale!

    Mercoledì è stata presentata la nuova Stagione Teatrale del Politeama, la 23° edizione, a cui l’Assessorato alla Cultura ha confermato ancora una volta il proprio sostegno e contributo. Come sempre il cartellone propone nomi famosi ed artisti ancora poco conosciuti, ma tutti caratterizzati da una grande professionalità. La novità è il costo dell’abbonamento, che diminuisce, mentre rimangono i vantaggi non indifferenti che porta con sé decidere di sottoscrivere l’iscrizione.

    Prima di tutto, chi verrà a Manerbio?

    La direzione artistica di Vittorio Pedrali ha articolato un cartellone di 6 spettacoli. La rassegna comincerà con Tindaro Granata, in Antopolaroid, il 24 ottobre prossimo, che darà voce ad una famiglia siciliana. Seguirà Giacomo Poretti, del trio comico Aldo Giovanni e Giacolo, con lo spettacolo “Fare un’Anima” il 14 novembre.

    Dopo le festività natalizie e con l’avvento del nuovo anno, la Stagione proseguirà con Geppi Cucciari, nota grazie a Zelig e alle numerose conduzioni televisive, che calcherà il palco del Politeama con un monologo tutto costruito attorno al mese di vita di una donna, radiografati con comicità, senza rinunciare alla profondità della riflessione. Proseguirà la compagnia Il Mulino di Amleto, con la riproposizione de “Gl’Innamorati”, di Carlo Goldoni, e la trasposizione teatrale del libro conosciuto ed apprezzato “Mio fratello rincorre i dinosauri”, legato al tema dell’autismo.

    Infine la Stagione si concluderà il 21 marzo con “Le allegre comare di Windsor” portata in scena da Atir Teatro. Il calendario completo con il link alle schede degli spettacoli lo trovi alla fine dell’articolo.

    Accanto alla Stagione saranno proposti alle scuole del territorio alcuni spettacoli riservati ai ragazzi, tutti in orario mattutino. In particolare saranno proposti:

    • Cammelli a Barbiana, di Luigi d’Elia, per raccontare l’incredibile storia di don Lorenzo Milani e della sua scuola, diventata un esempio di cosa davvero significa prendersi a cuore i ragazzi ed il loro futuro;

    • Mio fratello rincorre i dinosauri, poi riproposto per gli adulti nella Stagione Teatrale “tradizionale;

    • Rȇvolution, uno spettacolo in lingua francese su un tema delicato ed attuale, di cui abbiamo già parlato QUI: il Cyberbullismo.

    • Radio Caroline The Boats That Rocks, in lingua inglese, che racconta la sfida di cinque giovani ragazzi inglesi che, a bordo di una nave, lanciano una delle prime radio al di fuori del monopolio della BBC.

    Quanto costa abbonarsi?

    La Stagione Teatrale del Politeama costa, nella sua interezza, 100 euro a prezzo pieno. Oltre ai 6 spettacoli questo abbonamento include la possibilità di 3 ingressi gratuiti ad altrettanti appuntamenti diversi dalla rassegna (ad esempio le proiezioni cinematografiche).

    Alle stesse condizioni è possibile sottoscrivere l’abbonamento, pagando il prezzo ridotto di 85 euro, per chi abbia meno di 25 anni o più di 65.

    Sempre per gli under25 è possibile un abbonamento “corto”. Alla cifra di 40 euro si potrà accedere ad Antropolaroid, Fare un’Anima, Gl’Innamorati e Le allegre comare di Windsor.

    In questo caso sono ben 5 gli ingressi gratuiti a proiezioni cinematografiche che sono incluse nell’abbonamento, senza aggiungere un centesimo.

    Quanto e come ci si abbona?

    Per potersi abbonare bisogna:

    – per chi si è abbonato alla precedente stagione andare direttamente al Politeama fino al 12 ottobre;

    per i nuovi abbonati dal 15 ottobre al 18 novembre, sempre presso il teatro.

    Il botteghino sarà aperto nei giorni di venerdì, sabato, domenica e lunedì dalle 20 alle 22. Domenica anche dalle 15 alle 17. In più, eccezionalmente, ci sarà la possibilità di sottoscrivere un abbonamento anche dalle 10 alle 12 del 16,17 e 18 ottobre.

    Il prezzo indicato nelle schede degli spettacoli è per l’ingresso singolo, senza abbonamento.

    Sia l’abbonamento che i singoli spettacoli sono pagabili con la 18app o con la Carta del Docente.

    Sostenere la Stagione Teatrale è importante, ed è una ricchezza che non possiamo né perdere né sciupare. Se non volete o non potete sottoscrivere l’abbonamento dategli, anzi, dacci una mano! Fai girare questo post ed invialo a chi pensi possa essere interessato.

Lascia un commento.