• PGS Manerbio, Trofeo don Bosco, don Bosco, Fabrizio Bosio, Marilena Barbariga,

    Due secoli di don Bosco

    Tornato dalla visita a Venezia ho avuto l’opportunità oggi di fermarmi alla palestra vecchia delle Scuole medie per la giornata sportiva che la PGS di Manerbio ha dedicato a don Bosco. Nel segno dell’etica sportiva salesiana squadre di bambini e bambine provenienti da diversi paesi si sono sfidati a calcio, a pallavolo ed a palla rilanciata condividendo la bellezza di stare assieme.

    Continua a leggere

  • Protetto: La debacle del Piano Neve

    Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

  • Protetto: Avviati i provvedimenti contro la neve

    Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

  • Museo Civico Manerbio, Manerbio, Elena Baiguera, Fabrizio Bosio, Falere,

    Ripartiamo dalle nostre radici: il rilancio del Museo per costruire l’identità di cui Manerbio ha bisogno

    Il Museo Civico di Manerbio e del territorio è un istituto di proprietà comunale nato nel 1979 per valorizzare i numerosi reperti che le ricerca di superficie e gli scavi condotti dal nostro Gruppo Storico Archeologico avevano portato alla luce.

    Lo spazio espositivo passa in rassegna reperti provenienti da tutta la bassa bresciana a partire dal Mesolitico (IX millennio a.C. ) sino al XVII secolo. Dallo scorso mese di Dicembre  ho deciso di affidare l’incarico di Conservatrice del Museo Civico ad Elena Baiguera, archeologa romanista che subentra a Brunella Portulano.

    Continua a leggere

  • Aperta la mostra “Un mondo di insetti”

    Oggi pomeriggio, presso i locali del Museo Civico, è stata aperta la mostra entomologica “Un Mondo di Insetti” che rimarrà visitabile fino al 12 Febbraio.

    L’iniziativa, nata da un’idea del Bibliotecario Giambattista Marchioni, è stata resa possibile dalla collaborazione tra Comune di Manerbio, IIS Pascal ed IIS Bonsignori. Dopo i saluti iniziali che ho avuto il piacere di rivolere ai presenti hanno preso la parola Elena Baiguera, Conservatore del Museo Civico, che ha illustrato l’iniziative delle “Domeniche al Museo” in cui si colloca l’iniziativa, il prof. Lambruschi, docente di Scienze della Terra all’IIS Pascal di Manerbio, Nicolò ed Alessio, studenti rispettivamente dell’IIS Pascal e dell’IIS Bonsignori ed appassionati di insetti.

    Dopo i saluti iniziali si è tenuta una piccola visita guidata dove sono state illustrate le peculiarità degli insetti, le modalità di cattura e di conservazione che hanno permesso la realizzazione delle tavole entomologiche esposte. E’ seguita poi la possibilità di proseguire la visita lungo il percorso  storico archeologico permanente del Museo o concludere il pomeriggio con una merenda in Biblioteca.

    La mostra sarà presente presso i locali del Museo sino al 12 Febbraio secondo gli orari di apertura indicati qui.

  • Mattarella eletto Presidente della Repubblica

     

    Sergio Mattarella, figlio del deputato DC Bernardo e fratello del presidente siciliano Piersanti, è stato eletto XII Presidente della Repubblica dal Parlamento in seduta comune. Dopo le prime tre canoniche votazioni dove l’ordine di scuderia bipartisan  della scheda bianca ha tenuto, il Giudice Costituzionale ha ricevuto la designazione a capo dello stato con 665. Un’ottima base di partenza per un settennato delicato dove probabilmente lo scenario politico ed istituzionale italiano subiranno profondi cambiamenti.

    E’ inutile dilungarsi sulle tante tappe della carriera politica (qui un bell’articolo di Marco Damilano) di un uomo che ha deciso di impegnarsi in politica dopo la morte del fratello Piersanti, ucciso nel Gennaio del 1980 per mano della mafia sicula, e lo ha visto più volte impegnato nelle istituzioni fino al ritiro dall’attività politica nel 2008 e la nomina alla Corte Costituzionale nel 2011. L’autorevolezza  Sergio Mattarella dovrà guadagnarsela quotidianamente nelle vesti di Presidente della Repubblica ed interpretando con il rigore morale che ha caratterizzato la sua carriera politica il ruolo di custode della Costituzione che oggi gli è stato affidato.

     

    Al Comune di Manerbio non rimane che sostituire le foto di Giorgio Napolitano con quello di Sergio Mattarella

  • Nicola Bricchi, Marco Benedetti, Miriam Provaglio, Rocco Resta, Federico Tura, IIS Pascal, Liceo Pascal, Manerbio, IC Manerbio, Zammarchi, Fabrizio Bosio, Giornata della Memoria, 2015

    Studenti in cattedra per spiegare la Shoah: un ponte tra il Pascal e la Zammarchi

    Stamattina alla Scuola “A. Zammarchi” di Manerbio alcuni studenti dell’Liceo Scientifico “B. Pascal” hanno incontrato i ragazzi delle classi seconde. È stata la degna conclusione delle iniziative che a Manerbio si sono tenute per la Giornata della Memoria: il Concerto dedicato ai Giusti tra le Nazioni, l’installazione artistica che per una settimana è stata ospitata presso la Sala Mostre di Palazzo Luzzago, lo spettacolo teatrale al Politeama, l’incontro e la proiezione di un film commentato al Piccolo Teatro ed oggi l’incontro tra Federico, Marco, Miriam e Nicola  – accompagnati dal prof. Resta – con gli studenti delle medie per parlare della Shoah. Tante iniziative che hanno visto avvicendarsi vari attori: l’Assessorato alla Cultura, l’ANPI, la XIX Stagione Teatrale del Politeama e gli istituti scolastici.

    I quattro ragazzi hanno illustrato una presentazione breve ma efficace. Sono partiti dalla contestualizzazione della vicenda, ripercorrendo il rapporto tra gli ebrei e la società occidentale dal medioevo ai primi del ‘900. Dopo aver raccontato i presupposti culturali, politici ed istituzionali (in particolare la legge dei pieni poteri del 24 Marzo 1933) dell’ascesa di Adolf Hitler in Germania, hanno ripercorso le tappe delle politiche di contenimento prima e dell’eliminazione poi delle minoranze e dei dissidenti. Hanno concluso il loro intervento  con il tema che più frequentemente viene dimenticato in questo tipo di iniziative: l’attualizzazione. Senza il tentativo di riflettere sull’attualità gli insegnamenti che la Storia ci ha dato al costo di milioni di vite rimangono confinati agli anni ’40 del secolo scorso.

    Continua a leggere

  • Olocausto, Cultura, Manerbio, Installazione

    27.01.1945 – 27.01.2015

    La Giornata della Memoria sta assumendo una connotazione sempre più ritualistica. E come ogni rituale si svuota  del significato profondo che dovrebbe caratterizzarla. La legge con cui il Parlamento il 20 Luglio del 2000 decise di istituirla scelse il 27 Gennaio,  data in cui furono aperti i cancelli di Auschwitz, come giornata dedicata al Fare Memoria. Ed il testo della l.n. 211/2000 focalizza l’attenzione su due elementi: il ricordo di quanti si sono opposti – anche a rischio della propria vita – alle persecuzioni ed all’attuazione dello sterminio finale e l’attenzione a riflettere non tanto sulla Shoah in generale ma in relazione alla persecuzione italiana di ebrei e dissidenti.

    La Giornata della Memoria e più in generale il tema dello Sterminio si sono identificati profondamente con l’ecatombe del popolo ebraico e spesso finiamo per dimenticare le tante altre categorie vittime della persecuzione nazifascista: le persone affette da disabilità, gli omosessuali, i rom, i senza tetto, gli zingari, le prostitute, i testimoni di Geova, i dissidenti politici  e gli emigrati tedeschi riacciuffati con  l’inganno: Tanti triangoli che componevano il tetro arcobaleno della popolazione dei campi di sterminio.  Impegnati nel ripagare un ideale debito nei confronti degli ebrei abbiamo risolto la pluralità di vittime della soluzione finale nella categoria più colpita ed allo stesso tempo che ci da meno fastidio.

    Continua a leggere

  • Carlie Hebdo, Giovani, Terrorismo, Francia, Brescia

    I giovani mussulmani e la foglia di fico della Jihad

    Ora che i riflettori sulla strage parigina si sono spenti e Charlie Hebdo è finito nel dimenticatoio, rimane una domanda di fondo a cui un ragazzo di ventitre anni fatica a trovare una risposta: cosa spinge tanti ragazzi ad abbracciare la causa della Jihad?

    In generale – almeno dalle ricostruzioni fatte da alcune inchieste – i mujahidin del terzo millennio hanno background con alcuni elementi in comune. Sono immigrati di seconda generazione, formalmente cittadini a pieno del paese in cui sono nati ma Continua a leggere