• lettera, mensa, civismo

    Il nostro impegno per i Bandi

    Riporto il testo della lettera inviata dal Sindaco Samuele Alghisi alla stampa locale, in merito alla capacità del Comune di Manerbio di intercettare fondi attraverso bandi.

     

    Sono sorpreso di leggere quanto dichiarato dal candidato Sindaco Alberto Caldera, esponente locale di Forza Nuova, secondo cui il Comune di Manerbio avrebbe mentito alle famiglie, tenuto nascosto delle informazioni e si sarebbe dimostrato incapace di intercettare fondi regionali.
    Si tratta di pretesti utili per sostenere la sua campagna elettorale, più che la nostra.


    Va infatti ricordato come siamo stati chiari fin da subito sul taglio del contributo alla Fondazione Ferrari. Di quella scelta si è parlato anche nel corso dei Consigli Comunali del 2013, ed in particolare di quello che ha approvato il Piano di Riequilibrio pluriennale. Quello strumento che ha salvato il Comune di Manerbio dal baratro del fallimento, ha reso necessario per essere sostenibile un taglio drastico di tutti i contributi. La situazione debitoria ed il disavanzo presente al nostro insediamento non hanno lasciati margini di scelta e per evitare il commissariamento, che non avrebbe ridotto ma azzerato il contributo alla Fondazione, questa Amministrazione ha preso con responsabilità decisioni impopolari, come il taglio del contributo ad un’istituzione manerbiese. Un taglio senza il quale oggi la Fondazione Ferrari sarebbe chiusa, priva di ogni finanziamento.

    Riguardo alla nostra presunta incapacità di ottenere fondi regionali, il candidato Caldera dimostra di aver seguito con scarsa attenzione l’attività del Comune che spera di poter guidare come Sindaco. In questi 5 anni di mandato abbiamo ottenuto soldi per sostenere la crescita della nostra Comunità in diversi settori, e con importanti risultati.
    Sul settore dei rifiuti e dell’ecologia, la nostra proposta di un’isola del riuso, destinata ad allungare la vita utile dei rifiuti e a favorire l’economia circolare, è stata sostenuta dalla Regione con 21.402€.
    Tale progetto si inserisce nell’ambito della riqualificazione dell’Isola Ecologica, oggi tornata a norma di legge con i lavori realizzati dall’Amministrazione, per cui il Comune era riuscito ad ottenere dalla provincia un contributo di 120.000€.
    A beneficio della salute e della sicurezza dei manerbiesi va anche ricordato il bando regionale che il Comune si è aggiudicato, ottenendo tre defibrillatori per un valore di 6000€ che sono stati posizionati in altrettanti punti strategici, tutti vicini alle palestre che vedono impegnati quotidianamente i nostri ragazzi e le nostre ragazze nell’attività sportiva. Sempre su questo fronte, attraverso la Dote Sport, il Comune ha intercettato 2.350€ per sostenere le famiglie nel pagamento delle rette dell’attività sportiva dei propri figli.
    In ambito culturale, attraverso la convenzione Teatri Bresciani in Rete abbiamo ottenuto 14.482,50€ per sostenere l’offerta cultura del Teatro Politeama, che da 21 anni offre una stagione teatrale di grande qualità. 17.500€ sono quelli che invece la Regione ha destinato al Comune di Manerbio premiando il progetto di recupero della Spada Celtica, tornata a Manerbio stabilmente grazie al nostro lavoro nel 2014,e il progetto con cui abbiamo vinto il Bando Musei 2017.

    Va infine ricordata la riapertura di 18 case per cui l’Assessorato ai Lavori Pubblici ha intercettato, tramite la Regione, 173.855,00 stanziati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Grazie a quei fondi appartamenti popolari chiusi da anni sono stati finalmente rimessi in sesto e a disposizione di chi, rispettandone i requisiti e in ordine di graduatoria scritta sulla base dei criteri di Regione Lombardia, ha difficoltà abitative. A questi si aggiungono i 139.379,00€ ottenuti dal Comune ed erogati dal Ministero dell’Istruzione per lavori di manutenzione straordinaria delle scuole medie statali.

    In campo socio-assistenziale si è riusciti ad ottenere una quota importante di fondi: complessivamente 393.668,24€ . Di cui 14.292,41€ dal fondo Barriere architettoniche, circa 55.753€ per il buono vita indipendente e 33.700€ per il fondo della non auto sufficienza.

Lascia un commento.