• pasta in bianco manerbio, fabrizio bosio, giornale di brescia manerbio

    Il nuovo centro cottura

    Da qualche tempo avevamo in mente l’idea di un nuovo centro cottura. Era una proposta figlia di una riflessione sulla inadeguatezza dell’attuale cucina, che si trova presso le scuole elementari. Lo spazio è un po’ poco, e i macchinari sono in buona parte ormai giunti al limite. In più la consegna delle materie prime e la partenza dei pasti (per le altre scuole e per gli anziani) fa muovere nel cortile della scuola diversi mezzi, rendendo meno “sereno” l’ambiente in cui i giovani studenti giocano.

    La proposta iniziale prevedeva di trasformare l’attuale cucina dell’Area Feste nel nuovo centro cottura, consegnando alle associazioni un nuovo spazio più piccolo e meno attrezzato. Questa soluzione non mi aveva convinto per nulla. Ero preoccupato della ricaduta sulla qualità dei servizi che offriamo ai volontari. Ogni anno si danno da fare in cucina, al Palatenda, per poter raccogliere fondi ed offrire momenti di intrattenimento e aggregazione ai cittadini.

    Tenendo conto anche delle ragioni che ho portato, è stata messa a punto una soluzione alternativa. L’attuale edificio – con la cucina ed i locali di servizio – rimarrà intatto. Anzi, verrà aggiunta una tettoia a norma per poter svolgere alcune lavorazioni all’esterno (es. lo spiedo), protetti dall’eventuale maltempo. L’impianto elettrico sarà potenziato con una nuova cabina elettrica.

    Il nuovo centro cottura sarà realizzato sì nell’Area Feste, ma nel punto più a nord, dietro all’attuale tendone. In prossimità della strada già esistente, dove si trova un cancello. Non saranno disturbate le attività ricreative, visto che si colloca in uno spazio che non è mai stato utilizzato. In più La parete verso il prato sarà interamente trasparente. Sarà una casa di vetro, per mostrare la cura con cui si deve lavorare per preparare centinaia di pasti ogni giorno per i nostri piccoli studenti.

    Il nuovo centro cottura sarà realizzato sì nell’Area Feste, ma nel punto più a nord, dietro all’attuale tendone. In prossimità della strada già esistente, dove si trova un cancello. Non saranno disturbate le attività ricreative, visto che si colloca in uno spazio che non è mai stato utilizzato. In più La parete verso il prato sarà interamente trasparente. Sarà una casa di vetro, per mostrare la cura con cui si deve lavorare per preparare centinaia di pasti ogni giorno per i nostri piccoli studenti.

    Essendo una struttura di nuova realizzazione avrà consumi energetici molto contenuti rispetto a quelli attuali (in cui i frigoriferi sono alloggiati in uno spazio raffreddato artificialmente per evitare che i numerosi refrigeratori generino temperature pericolose).

    Il collegamento con la viabilità del paese è buono (in pochi minuti i mezzi potranno raggiungere tutte le scuole del territorio) e si prevede di trasportare il cibo su furgoncini elettrici, migliorando ancora di più l’impegno del nostro Comune per migliorare il nostro PAES.

    L’investimento è di 780.000 euro, e sarà sostenuto dal vincitore di un appalto della durata di 15 anni al termine dei quali l’intera struttura, con i macchinari, diventerà di proprietà del Comune.