Nel 2018 il Comune di Manerbio ha ottenuto la disponibilità della Soprintendenza Archeologica al prestito di un prezioso corredo funebre celtico, ritrovato nel territorio di Flero.

La sepoltura è molto particolare e preziosa: risale alla metà del III secolo a.C. ed è per incinerazione (una pratica che si diffonderà ben più tardi tra i Celti che all’epoca praticavano l’inumazione). Ospitava un uomo di alto rango ma di etnia incerta, che ha portato con sé nella tomba oggetti anche di grande pregio come una coppia di importanza. Il corredo è sostanzialmente completo. C’è la panoplia (spada piegata ritualmente, catena di sospensione per agganciarla alla cintura, punta di lancia, tallone e umbone dello scudo) a cui si affiancano oggetti della vita di ogni giorno (come cesoie, rasoio e pinzetta) oltre ad un coltello.

Grazie al lavoro della conservatrice abbiamo ottenuto che da mostra temporanea il deposito del corredo diventasse permanente. Nel corso del 2019 verrà profondamente restaurato e ricollocato in una vetrina fatta ad hoc, per garantire condizioni atmosferiche idonee ad una conservazione lunga e corretta dei reperti.