• magazzino manerbio, magazzino merci manerbio, 3m manerbio, 3m, stazione manerbio, manerbio

    Magazzino Merci Manerbio

    Un giorno, mentre ero in Biblioteca per fare il punto sulle attività culturali, Giambattista mi ha proposto un progetto che in quella fase era solo un’idea. Voleva che valutassi la possibilità di recuperare uno dei “pezzi” della stazione: il magazzino merci.

     

    Tempo addietro infatti la nostra Stazione non era solo luogo di passaggio per persone, ma era anche il punto di arrivo e di partenza per le merci. Forse non lo sai, visto che è molto nascosto, ma esisteva un magazzino per custodirle con accesso su due binari: uno ancora visibile oggi, sul lato della ferrovia, ed uno morto e oggi sepolto dalla vegetazione sul piazzale davanti.

    Oggi il luogo è sostanzialmente abbandonato e l’edificio è usato semplicemente come uno dei diversi magazzini comunali di Manerbio.

    Cosa vogliamo fare?

    L’idea di fondo, condivisa da un gruppo di lavoro che nelle fasi iniziali è stato costituito da Giambattista, me, l’ing. Paolo Ungaro e Giovanni Mantovani, è semplice. Vogliamo dare a Manerbio uno spazio polifunzionale, cioè in grado di poter essere usato per attività diverse senza essere stravolto. Il magazzino, con la sua struttura, è perfetto per questo scopo e permette la valorizzazione di un pezzo di storia della nostra comunità.

     

    Vorremmo che lì dentro ognuno fosse nelle condizioni di potersi esprimere: piccoli concerti, rappresentazioni teatrali, mostre pittorico o fotografiche, incontri, cineforum o ancora semplicemente spiedi e feste.

    Una delle idee ad esempio è di costruire una artoteca: un posto che – al pari di una biblioteca – dia in prestito opere di arte che possono essere esposte a casa propria per un mese prima di essere restituite, come se fossero un libro. Per saperne di più puoi guardare QUESTO video.

     

    Come lo vogliamo fare?

    Non è semplice pensare di realizzare un intervento così ambizioso in un momento come questo. Per tutto e per tutti i soldi sono pochi, figurati a Manerbio dove la situazione economica è sempre stata complessa (se voi sapere come abbiamo messo in sicurezza il bilancio con il previsionale 2016 puoi leggere QUI).

    Ci muoveremo su 3 fronti per farlo:

    1. La soluzione più ovvia ma la meno semplice: paga il Comune. Alcuni lavori effettivamente saranno realizzati a carico del Comune. Si tratta di opere (come la recinzione) che sarebbero dovute essere realizzate anni fa e che sono entrate nel gruppo di tutte quelle cose non fatte che abbiamo ereditato nel 2013. Per ora sono previsti solo questi lavori, ma se si libereranno altre risorse nulla esclude che se ne possano aggiungere altri.
    2. Lavoreremo con i volontari per svolgere alcune operazioni che possiamo delegare a loro. Ci stanno dando un’enorme mano a gestire il verde. Alpini, volontari del Verde e semplici cittadini hanno cominciato a liberare dalle erbacce.
    3. Stiamo valutando la possibilità di attivare un progetto di crowfounding (se non sai cos’è lo puoi leggere QUI) sperando di raccogliere almeno in parte i soldi necessari a creare questo nuovo spazio.

     

    In più sono cominciati i contatti con le Ferrovie dello Stato. In questa fase vengono distrutti numerosi edifici lungo le linee ferroviarie, come le case di guardia dei passaggi a livello. Di queste strutture vengono recuperati alcuni elementi come i serramenti. Abbiamo la fortuna di avere un magazzino merci di una tipologia comune, standard per le ferrovie. Speriamo di riuscire – attraverso questo contatto – a recuperare alcuni elementi originali che nel nostro magazzino merci sono andate perse. L’obiettivo è di dare nuova vita a questo spazio riportandolo il più possibile ad avere l’aspetto originale.

     

    In una parola, vogliamo dare un futuro alla nostra storia.

     

    Se vuoi darci una mano puoi contattarmi scrivendo a [email protected] o lasciare il tuo nominativo in Biblioteca.

    metti un like alla pagina FB del Magazzino Merci Manerbio!

     

Lascia un commento.