• Sala Consiliare, Manerbio, Palazzo Luzzago, Samuele Alghisi, Fabrizio Bosio, Consiglio Comunale

    Riassunto del Consiglio Comunale del 22 giugno

    Nel Consiglio Comunale del 22 giugnoerano assenti i Consiglieri Boninsegna, Cavallini, Gottani e Lorenzi.

     

    MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE

    Ieri si sarebbero dovute approvare alcune modifiche al regolamento del Consiglio Comunale. Viste alcune nuove proposte di modifiche si è deciso di ritirare il punto all’ordine del giorno e di rimandarne la discussione così da avere il tempo di confrontarsi meglio, approfondire la discussione e condividere con tutti le modifiche da fare.

    RICONOSCIMENTO DI UN DEBITO FUORI BILANCIO

    Nei primi anni 2000 il Comune era stato coinvolto in una causa per un sinistro di fronte ad un giudice di pace. A seguito della dichiarazione di incompetenza fatta dal giudice e per una serie di vicende nel 2007 la causa era finita nel nulla. E della cosa si era persa traccia.

    Qualche settimana fa è arrivata la fattura dell’avvocato che aveva rappresentato il Comune nel processo e che deve essere pagata.

     

    Per questo motivo ieri il Consiglio Comunale, con la sola astensione del consigliere Zucchi, ha approvato il riconoscimento del debito fuori bilancio  così da poterlo onorare.

     

    RIDUZIONE ZONA DI RISPETTO CIMITERIALE

    Il percorso per ottenere la riduzione della zona di rispetto attorno al Cimitero era cominciato alcuni mesi fa. Ieri l’iter è stato concluso. All’interno della zona di rispetto si trova(va)no delle serre che non avrebbero potuto essere lì. Con il provvedimento adottato ieri e dopo diversi incontri tra Comune e azienda proprietaria si è ottenuto che:

    • Le serre saranno rimosse secondo un programma con scadenze chiare, certe e concordate;
    • Il rispetto delle scadenze è assicurato da una fideiussione che verrà escussa (cioè riscossa) se alla data concordata tutte le serre non saranno state spostate fuori dal vincolo
    • Il vincolo viene ridotto, con il parere favorevole dell’ASST (ex ASL) e l’azienda avrà la possibilità di espandersi creando nuovi posti di lavoro

     

    Il punto è stato approvato all’unanimità da tutti i gruppi in Consiglio Comunale, sostenendo l’azione di Sindaco e Assessore che regolarizza la situazione di rispetto del vincolo e da la possibilità ad un imprenditore di creare nuovi posti di lavoro a beneficio dei manerbiesi.

     

     

    APPROVAZIONE DEFINITIVA ALLA VARIANTE DEL PGT

    Anche in questo caso si tratta di un’iter che è cominciato diverso tempo fa e che l’assessore Preti ha portato brillantemente a conclusione ieri. Erano più di trenta le osservazioni che sono state discusse e poi o approvate o respinte.

     

    Le modifiche fatte al PGT (=Piano di Governo del Territorio) sono andate nella direzione di venire incontro alle richieste dei privati cittadini e delle aziende. Sono nate dal confronto con i professionisti, i manerbiesi e gli imprenditori e permeterranno l’insediamento di alcune nuove aziende che porteranno nuovi posti di lavoro a Manerbio.

     

    Un punto importante di questo PGT è che si riduce il consumo di suolo. Sarà possibile costruire 26.000 m² in meno sul nostro territorio.

     

    il voto conclusivo sul provvedimento ha raccolto il favore di tutto il Consiglio Comunale meno quello del gruppo Lega Nord, per cui il consigliere Casaro si è astenuto.

     

    RISPOSTA ALL’INTERROGAZIONE DELLA LEGA NORD

    La Lega Nord, sapendo che presso un capannone della zona industriale si sono riuniti e continueranno a riunirsi fino alla fine del Ramadan  alcuni mussulmani in preghiera, ha chiesto al Sindaco conto delle azioni eventualmente intraprese dal Comune per garantire la sicurezza.

     

    Il Sindaco ha cominciato il suo intervento  esprimendo disappunto per i toni che vicende simili a queste hanno preso, anche sulla stampa locale. Ha espresso la sua solidarietà a Daniela Valentini, ex assessore ai servizi sociali nella Giunta Meletti, ricordando come non possano essere accettati attacchi personali, anche quando sono rivolti a persone vicine all’opposizione e non alla maggioranza.

     

    Detto questo il Sindaco ha chiarito che:

    • L’attività è stata segnalata dai responsabili al Comune, che già negli scorsi anni avevano organizzato attività simili;
    • Non ci sono irregolarità nell’utilizzo della struttura;
    • Presso il capannone si ritrovano in preghiera circa 250 persone ;
    • I nomi dei responsabili e delle guide della preghiera è stato inoltrato ai Carabinieri che a loro volta hanno informato gli organi di sicurezza;
    • Sono stati svolti alcuni controlli dagli agenti, che non hanno rilevato irregolarità o situazioni particolari;

     

    Il Comune ha quindi fatto tutto quanto era nei suoi poteri, collaborando con la Stazione dei Carabinieri e gli organizzatori, per garantire la sicurezza e la bontà degli incontri di preghiera.

Lascia un commento.