• Senza frontiere né confini

    “Da quassù la terra è bellissima, senza frontiere né confini”
    Yuri Gagarin, primo uomo nello spazio

    La Federazione dei Giovani Socialisti, i Giovani Democratici, South Tyrolean European Democratic Youth, Sozialistische Jugend Österreich and Verband Sozialistischer Student_Innen Österreich, organizzazioni che rappresentano i giovani socialisti italiani ed austriaci,

     

    CONDANNANO

    Continua a leggere

  • schengen, #donttouchmyschengen

    Don’t Touch My Schengen

    L’Unione Europea ha fatto tantissima strada da quando a Roma fu fatto il primo timido passo. Ha cambiato il volto del nostro continente giorno dopo giorno, in modo così graduale che i “grandi” non si sono accorti quasi di nulla e noi giovani viviamo dando per scontato tante libertà che fino a poche decine di anni fa scontate non erano.  Tanto di questo lo dobbiamo al Trattato di Schengen.

    Ora siamo davanti a un bivio. Deve decidere se vuole continuare in questo limbo indefinito o se vuole fare quel passo in più per diventare qualcosa di diverso, di grande e di storico. Deve decidere se rimanere nella condizione sospesa e certa della crisalide o con un atto di coraggio vuole aprire il bozzolo e provare a volare verso l’esterno.

     

     

    Gli eventi di questi mesi stanno rendendo sempre più difficile che i paesi europei trovino il coraggio di fare il salto di qualità: la crisi economica, il più grande flusso migratorio dalla fine della Seconda Guerra Mondiale e la crisi della rappresentanza stanno mettendo in difficoltà partiti e forze politiche tradizionali. Non mancano poi le bordate degli euroscettici e dei nazionalisti, ad ogni elezione sempre più forti e sempre più impegnati a rendere difficile il cammino verso gli Stati Uniti d’Europa.

    Continua a leggere

  • enrico Bergamini, bondeno, datajournalism, enrico bergamini open data

    Un caffè, Datajournalism & Enrico Bergamini

    Da qualche tempo a questa parte ho avuto il bisogno di evadere un po’ dai miei soliti confini e di provare a incontrare energie e idee nuove. Non è stato semplice capire come poter uscire dal solito giro e andare – praticamente a colpo sicuro – a trovare qualcuno con cui ragionare su tematiche attuali ma poco nazionalpopolari provando a confrontarsi con altri punti di vista.

     

    In questo primo “esperimento” ho avuto la fortuna di incontrare Enrico Bergamini. L’aggancio è stato abbastanza anomalo: dopo aver inviato il form per la partecipazione alla Scuola di Politiche di Enrico Letta ho dato un’occhiata ai video correlati per capire quale fosse la concorrenza. Tra la ventina di presentazioni che ho guardato quella di Enrico Bergamini mi ha colpito e ho deciso di contattarlo. Alla fine della storia siamo rimasti tutti e due fuori dalla rosa di nomi scelta per la Scuola (che è partita proprio qualche giorno fa) ma abbiamo deciso di incontrarci e prenderci un caffè.

    Continua a leggere

  • analfabetismo funziona, manerbio, prof. sabatini, sabatini manerbio, icmanerbio

    A lezione dal prof. Sabatini

    Oggi si è tenuto a Manerbio un incontro (che si svilupperà anche domattina) sulla Grammatica.

    Sembrerebbe un incontro noioso, dove si rischia di affogare tra pagine a righe, inchiostro e regole apparentemente stupide. Invece con il prof. Francesco Sabatini abbiamo parlato di analfabetismo funzionale e di come insegnare la nostra lingua mettendo al centro i bambini, più che le nozioni fini a sé stesse.

    Continua a leggere

  • intervista, fabrizio bosio, paese mio, manerbio, paesemio manerbio

    Intervista a Paese Mio – Giugno

    Sul numero di Giugno di Paese Mio è comparsa una mia intervista, realizzata da Barbara Appiani, che riporto.

     

     

    • Lei è uno degli assessori più giovani sul nostro territorio. Cosa l’ha spinta ad entrare nella pubblica amministrazione?

    La politica, come l’arte e la storia, è una delle mie passioni.  Sicuramente le persone che ho incontrato durante gli anni del Liceo, nel mondo dell’associazionismo (in particolare AVIS, ACLI e Chirone) e in politica hanno contribuito a sviluppare una sensibilità per i problemi amministrativi. Quando ho avuto l’opportunità di poter fare esperienza sul campo coltivando in contemporanea più passioni ho deciso di non farmela sfuggire. È una scelta di cui non mi pento: ha richiesto tante rinunce e non sempre è facile, soprattutto dovendo conciliare l’impegno amministrativo e politico con l’università e gli amici.

    Continua a leggere

  • La Repubblica delle passioni

    Quest’anno abbiamo deciso di festeggiare anche a Manerbio la Repubblica. In una sola giornata si sono succeduti un concerto (quello della Banda Giovanile), la sessione di graffiti che ha tolto dal degrado il passaggio pedonale tra via Insurrezione Nazionale  via Mazzini, la chiusura (per quest’anno!) del Pedibus e la consegna delle tessere elettorali ai ragazzi che hanno compiuto i 18 anni nei primi sei mesi del 2015.

     

    Abbiamo scelto queste quattro iniziative perché volevamo mettere al centro quattro categorie di persone che ogni giorno hanno qualcosa da offrire alla Repubblica.

    La Banda Giovanile, perché è un luogo dove si insegna e si pratica l’arte ogni giorno, assecondando i ragazzi nelle loro passioni e aiutandoli a crescere come musicisti e come persone. L’impegno e la dedizione che servono a imparare a suonare uno strumento dimostrano la serietà dei tanti ragazzi che si rivolgono all’Associazione Musicale “S. Cecilia”. Tra le loro fila sono cresciuti in passato e crescono ancora oggi amministratori e cittadini di valore, che coltivano i propri talenti e li rimettono a disposizione degli altri. Loro hanno aperto i festeggiamenti eseguendo l’inno nazionale.

    Continua a leggere

  • Jobs Act e Lavoro

    Giovani, Lavoro e Jobs Act

    I Giovani Democratici della Provincia di Brescia organizzano un incontro sul tema del Lavoro. L’introduzione del Jobs Act porta a un radicale cambiamento nelle regole del lavoro. Come incidono sui giovani? come influiscono sulla loro attività professionale?

    Interverranno:

    La Prof.ssa CRISTINA ALESSI, docente presso la facoltà di Economia dell’ Università degli studi di Brescia, che ci aiuterà nel comprendere i principali punti della riforma del lavoro e nel tratteggiare la situazione del lavoro sui nostri territori.

    Dott. DARIO PAGNONI 28 anni, docente presso l’Accademia di Belle Arti di Santa Giulia; Pagnoni si occupa di stategia e marketing e ha approfondito il ruolo dei social media in tali ambiti. ha contribuito a fondare e coordina alcune importanti iniziative imprenditoriali.

    Dott. MARCO PELI 30 anni, è stato assegnista di ricerca presso il dipartimento di specialità medico chirurgiche ora è dottorando presso il dipartimento di ingegneria civile e ambientale.

    Coordineranno la serata
    Jacopo Baraldi, segretario provinciale dei Giovani Democratici
    Marco Peli, responsabile lavoro presso la segreteria provinciale dei GD.

  • Enrico Sterza nuovo segretario GD

    Enrico Sterza nuovo segretario GD

    Gli iscritti del Circolo della Bassa Bresciana Centrale dei GD hanno indicato Enrico Sterza come nuovo Segretario di Zona.

    Il percorso di rinnovamento cominciato a livello provinciale con l’elezione di Jacopo Baraldi e l’avvio della nuova Segreteria provinciale è arrivato anche a Manerbio. Il Circolo intitolato a Enzo Biagi, uscendo dalla sede abituale di via Magenta, ha celebrato il passaggio di consegne tra Marco Olivetti, nominato Viceresponsabile di Zona del Partito Democratico e Enrico Sterza, classe 1997 e studente liceale, che ora dovrà rimboccarsi le maniche per rilanciare il movimento giovanile nella Bassa Bresciana in un momento di ostilità vero la politica.

    In bocca al lupo!

  • GD, Giovani Democratici, Jacopo Baraldi

    I Giovani Democratici Bresciani ricuciono

    Le differenze possono essere sia fonte di ricchezza sia causa di divisioni. La federazione provinciale dei Giovani Democratici bresciani(i giovani del PD, per capirsi) lo ha sperimentato sulla propria pelle e dopo tre anni è pronta a ricucire gli “strappi” cominciando un nuovo percorso.

     

    Un nuovo Segretario per i bresciani

    L’Assemblea reduce dal combattuto (e bizantino) Congresso del 2012 ha eletto Jacopo Baraldi, 23 anni, nuovo Segretario Provinciale dei Giovani Democratici bresciani.  Dopo tre anni di impegno, con la conclusione degli studi e con una segreteria dimezzata, Matteo Domenighini ha dato le sue dimissioni da Segretario Provinciale.
    Con quel gesto Matteo ha dato l’opportunità di chiudere una volta per tutte la fase che si era aperta nel 2012 e le tre aree che compongono i GD bresciani hanno deciso di cogliere quest’occasione per voltare pagina e cominciare da capo, insieme.

    Continua a leggere

  • Jacopo Baraldi, Segretario provinciale GD, GD Brescia

    Jacopo Baraldi nuovo segretario provinciale

    Ieri sera l’Assemblea Congressuale provinciale dei Giovani Democratici ha eletto il successore di Matteo Domenighini.

    Dopo tre anni di impegno come Segretario Provinciale Matteo ha rassegnato le proprie dimissioni nell’ultima direzione di fatto aprendo una nuova fase del movimento giovanile bresciano. Ieri sera i delegati hanno sostenuto all’unanimità l’unica candidatura depositata, quella di Jacopo Baraldi.

    A 23 anni Jacopo diventa così il quarto Segretario della federazione bresciana. Nel suo intervento di presentazione del proprio documento congressuale Baraldi ha presentato anche la propria segreteria che ha ottenuto il voto favorevole della Direzione Provinciale.

    Da oggi Brescia apre un nuovo percorso.