• Alice nel Paese delle Meraviglie

  • Ubu Re

    UBU Re, Manerbio, Teatro Politeama, Muse dell'Onirico

  • Introduzione a “Gl’innamorati” di Goldoni

  • Pinocchio

  • La Regina delle Nevi

  • Teatro

    Il Teatro per i più piccoli

    Tra le cose a cui il Comune aveva rinunciato, nel corso degli anni, c’era la rassegna teatrale per bambini “Paga la Mamma”, realizzato al Piccolo Teatro “M. Bortolozzi”.

    L’iniziativa – costosa per l’Assessorato alla Cultura – era particolarmente apprezzata dai cittadini manerbiesi e dalle famiglie in particolare.  Fu deciso quindi di concludere questa esperienza.

    Continua a leggere

  • Marylin attrice allo stato puro

    Con Lucilla Giagnoni

    testo di Michela Marelli e Lucilla Giagnoni

    progetto e regia Michela Marelli, musiche Paolo Pizzimenti, scene e luci Alessandro Bigatti, Andrea Violato, Massimo Violato, abito di scena Sartoria Bassani.

    Produzione CTB Centro Teatrale Bresciano

     

    “Non mi interessa il denaro. Voglio solo essere meravigliosa”. Lucilla Giagnoni racconta la vita di Norma Jeane, in arte Marilyn Monroe, a partire dalla difficile famiglia di origine, per arrivare all’immagine di celeberrima icona dello spettacolo, costruita con cura maniacale, attraverso il personaggio della bionda svampita. Di lei un critico scrisse: “bisogna essere molto intelligenti per poter recitare la parte della sciocchina” ma fu uno dei pochi ad accorgersene. Intrecciata al clamoroso successo pubblico, si svolge una vita privata tumultuosa, culminata nella misteriosa morte. Marilyn è un inno amoroso e malinconico all’infelice diva.

  • Rimbamband Show!

    di Raffaello Tullo

    con Raffaello Tullo, Renato Ciardo, Vittorio Bruno, Nicolò Pantaleo, Francesco Pagliarulo.

     

    Un sassofonista rubato alla banda di Capurso, un contrabbassista stralunato, un pianista virtuoso, un batterista rompiscatole, un capobanda: la Rimbamband. Cinque suonatori sognatori giocano con canzoni, note, rumori, suoni, strumenti, immaginazione, parole e un po’ di genuina follia. Sul palco rivivono i maestri veri: Buscaglione, Carosone, Gaber, Mozart, Rossini ma anche Jerry Lewis, Charlie Chaplin, in una sorta di cartone animato, immune dai limiti del “possibile”. Esilarante il gioco dei contrasti fra i personaggi, travolgente l’energia in uno spettacolo in cui le note si dilatano, litigano, si rincorrono come bimbi scalmanati, si prendono a sberle, pugni e calci… e scoppiano a ridere…

  • La Locandiera

    LA LOCANDIERA
    di Carlo Goldoni
    regia Andrea Chiodi, disegno luci Marco Grisa, scene e costumi Margherita Baldoni, musiche Daniele D’Angelo
    con Caterina Carpio, Tindaro Granata, Mariangela Granelli, Emiliano Masala, Francesca Porcini.

    Un’apparente spensierata commedia amorosa in cui il non detto, il non desiderato, il non voluto diventano parole schiette, desideri e voglie. Una locandiera che agirà tutta intorno ad un grande tavolo, tavolo da gioco e tavolo da pranzo, così chiaro cosa avviene sopra e meno chiaro cosa avviene sotto. Una locandiera che è sicuramente la rappresentazione del Don Giovanni letterario ma al femminile, con i personaggi del mondo caro a Goldoni, dalle maschere che se ne vanno, ai costumi del repertorio fino alle sue amate poupettes dell’infanzia.