Dal 2017 invitiamo i cittadini di Manerbio a partecipare attivamente a delle installazioni di Comunità. Crediamo che attraverso queste attività-strumento si possa sviluppare un senso di appartenenza. 

Quest’anno, quando l’epidemia ha cancellato con un colpo di spugna ogni programmazione culturale, avevamo scelto come tema “ponti, non muri individuando come libro del nostro Maggio dei Libri “Il Ponte dei Bambini” di Max Bolliger e Stepan Zavrel. Il lavoro era stato condotto dall’Assessorato, la Biblioteca Civica e il gruppo di insegnanti che rappresenta le scuole del nostro territorio. 

Le stesse insegnanti che nei giorni scorsi hanno pensato di coinvolgere i bambini con una bella idea, molto in linea con lo spirito della quarantena: la storia di un bruco che diventa farfalla. L’idea è diventata attività con l’invito rivolto ai giovani studenti – e poi esteso dal Comune a tutte le famiglie – di realizzare delle farfalle da appendere a finestre e balconi. 

Il significato era multilivello:

  • Tenere occupate le famiglie con attività manuali che potessero essere svolte da tutti e che stimolassero la creatività;
  • Colorare il paese riempiendolo di un oggetto simbolico positivo condiviso in cui tutti potessero riconoscersi e che richiamasse la primavera come tempo di speranza e di rinascita;
  • Pensare alla quarantena come “momento della crisalide”, una dimensione di riflessione su sé stessi, per uscire migliori da come si è entrati. I bruchi devono necessariamente recludersi in uno spazio angusto per compiere la metamorfosi che gli permette di uscirne farfalle.

L’invito è stato raccolto da molti cittadini e le farfalle hanno popolato vie, balconi, giardini e siepi di Manerbio. 

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Ma non è finita qui: in diversi punti della città i cittadini si sono coalizzati. Aiutati da bastoni, lunghi nastri e con coordinamenti locali hanno realizzato dei “ponti” di farfalle. Simboli tangibili della solidarietà e della vicinanza che questa situazione sta alimentando all’interno delle case e che, si spera, durino oltre la quarantena esattamente come la farfalla non torna più ad essere bruco dopo essere uscita dalla crisalide.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine
Lascia un commento