• tari, tari manerbio, rifiuti manerbio, tassa manerbio

    Una Tariffa Rifiuti più leggera

    In questi giorni è arrivata nelle case di Manerbio la TARI, la tariffa sui rifiuti.  La prima rata della TARI scade proprio oggi, dopo la proroga decisa in Giunta per venire incontro ai cittadini e lasciar più tempo per il pagamento.

    Prima di spiegare cosa è stato fatto a Manerbio con la TARI è giusto spiegare un attimo di cosa si tratta:

    • L’imposta dovuta è calcolata dividendo il costo del servizio di raccolta rifiuti e spazzamento delle strade su tutti gli utenti registrati. Le tariffe sono diverse a seconda che si tratta di una famiglia o di un’utenza non domestica (negozio, sede di associazione, azienda, ufficio, etc..)
    • La tariffa si compone di una quota fissa, che viene calcolata sulla base delle metrature della cafa/ufficio/negozio/sede e di una quota variabile (legata ad esempio al numero di componenti della famiglia)
    • La tariffa non copre solo i costi della raccolta dei tuoi rifiuti, ma contribuisce ad alcune spese “indivisibili” come lo spazzamento delle strade o offerti gratuitamente a tutti, come il ritiro di rifiuti ingombranti.

    Durante il passaggio al porta a porta chi combatteva contro la decisione presa dall’Amministrazione Comunale (sulla base peraltro del programma elettorale con cui eravamo stati eletti) ha raccontato che i costi del servizio sarebbero aumentati e – per la serie oltre il danno la beffa – i cittadini avrebbero faticato di più e pagato di più.

    In realtà a più di un anno dal cambio di servizio abbiamo dimostrato il contrario: non solo i costi non sono aumentati ma sono addirittura diminuiti.

    • E’ diminuiti il  costo totale del servizio quest’anno rispetto a quello dell’anno scorso.
    • Le famiglie risparmieranno una cifra che oscilla dal 2 al 4% della TARI pagata nel 2015 a seconda delle metrature e può arrivare fino al 13% per quelle utenze che hanno l’agevolazione compostaggio.
    • Le attività produttive e commerciali avranno una riduzione media dell’1%

     

    Durante le assemblee per l’avvio del porta a porta abbiamo comunicato con chiarezza che il nuovo sistema avrebbe comportato una sostanziale parità dei costi per i cittadini. Ad aumento del costo della manodopera avrebbe corrisposto il minor costo degli smaltimenti. Ci eravamo impegnati, in caso di risparmio sui costi, ad investire in maggiori servizi. Così oltre ad aver ridotto di un poco la tariffa per tutti abbiamo ottenuto:

    • L’introduzione del servizio gratuito ritiro ingombranti a domicilio
    • Più spazzamenti estivi domenicali per garantire il decoro
    • L’esenzione per le società sportive che gestiscono strutture del Comune in convenzione
    • La riconferma del fondo per il rimborso TARI 2015 ai pensionati con meno di 18.000€ di reddito

    Non sono da escludere ulteriori risparmi che si potranno avere se aumenterà l’impegno già notevole dei manerbies,  diminuendo ancora la produzione complessiva dei rifiuti. Le frazioni più costose e che più gravano sulle bollette sono l’indifferenziato, l’umido e il vegetale. Se ciò si verificherà avremo le prossime bollette ancora più leggere.